english informations

Oratorio di Sant'Antonio

A metà della via Cavour è posto l'oratorio di Sant'Antonio, con una semplice facciata a capanna, con un rosone ora accecato, e la parete che si affaccia sulla via che presenta un paramento murario che  alterna ciottoli di fiume a mattoni, piuttosto ricorrente in zona, che ne permette la datazione.
L'edificio, simile a molti altri oratori edificati in Brianza durante l'età viscontea, può essere datato tra il XIII e il XIV secolo. L'impianto originale venne modificato dalle ristrutturazioni del XVI secolo,  con la sopraelevazione dell'aula e la costruzione dei grandi archi, e nel secolo seguente, quando venne costruito il campanile. Al centro è collocato l'altare, con belle forme barocche, realizzato nella prima metà del Seicento.
Sulla parete settentrionale dell'oratorio vi sono numerosi frammenti di un ciclo di affreschi con Storie della passione di Cristo, che datano al 1460-1480 e che furono probabilmente realizzati da una bottega tardogotica fortemente infulentata dallo stile degli Zavattari che avevano operato presso la cappella di Teodolinda nel duomo di Monza. Sono presenti altri affreschi votivi, seppure di minore qualità, tra cui la sinopia con L'adorazione dei Magi dello stesso periodo.
Sulla controfacciata un grande dipinto seicentesco raffigurante La gloria di San Carlo, opera dei fratelli Lampugnani, pittori nativi di Legnano e frequentemente operosi insieme. Il quadro raffigura il santo arcivescovo milanese che ascende al cielo, mentre stende una mano verso il basso, dove, sotto lo strato di nubi, appare una dettagliata veduta del borgo di Vimercate, ripresa a volo d'uccello. Soggetto ed iconografia derivano da una celebre tela eseguita dal Cerano per la canonizzazione di san Carlo (1610).

Indirizzo:
Via Cavour, 52 

Visualizza sulla mappa

VISITE GUIDATE: